Caratteristiche di funzionamento degli scaricatori di sovratensione

Il dispositivo Ŕ, in sintesi, una resistenza variabile, da collegare tra fase (o neutro) e terra; il valore di resistenza Ŕ normalmente molto elevato (tra fase e terra scorre al massimo una corrente di conduzione di qualche milli-Ampere); al sopraggiungere dell'onda di sovratensione detto valore di resistenza si abbassa subito quasi a zero, consentendo il passaggio di una corrente di scarica verso terra dell'ordine dei kilo-ampere (anche 100 kA) per qualche milli-secondo; passata l'onda, il valore di resistenza si ripristina immediatamente ai valori elevati originari.
Lo scaricatore agisce come uno "sfioratore di tensione" nel senso che esso taglia il picco dell'onda di sovratensione a livelli tali che la sovratensione residua potrÓ essere sopportata bene e senza stress dall'isolamento dei dispositivi a valle.
Per definizione, uno scaricatore di sovratensione si ripristina immediatamente ai valori originali dopo ogni scarica e questo per molte scariche.
Lo scaricatore si guasta nel caso che l'energia della scarica (o della sommatoria delle scariche nel breve tempo) abbia valori superiori a quelli ammessi termicamente per quel dato scaricatore.